Sito Ufficiale x1/9
  Notizie     
 

I preferiti

Top - Siti web

Eventi
<
Gennaio
>
L M M G V S D
-- -- 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 -- --

Questa settimana

 
1970 - SHAKE - DUNE BUGGY
Inserito il 13 ottobre 2017 alle 09:54:00 da ottavio. IT - LE AUTO DI NUCCIO

Sono gli anni ’60 e dagli Stati Uniti arriva la moda delle “Pulci del deserto”, auto costruite in modo artigianale utilizzando per lo più il pianale delle Volkswaghen Maggiolino o delle New Beetle come vengono chiamate comunemente. Costruite anche in Kit o scatola di montaggio.
Attratto da questa moda. La Bertone nel 1970 realizza due prototipi, che oggi fanno parte della “Collezione Bertone”, la cui proprietaria è l’ASI.
Entrambi i modelli sono dotati della meccanica della Simca...


... 1200 coupé, modello che veniva assemblato a Grugliasco per conto della Casa francese.
Le dimensioni sono contenute: la lunghezza è di 3.520 mm, il passo 2.050mm, la larghezza 1.630 mm e l’altezza 1.180mm. I design prendono spunto dal precedente modello la Runabout, che ha forte somiglianza con i motoscafi, ma in questo caso l’altezza da terra è più considerevole e contiene una serie di elementi che sottolinea la robustezza come le barre cromate che fuoriescono dal muso che proteggono letteralmente gli occupanti oltre che la bassa linea di cintura.
Anche il rollerbar cromato è a doppia gabbia simile a quello della Runabout che in questo caso è annegato in una struttura aerodinamica. Il metallo cromato viene evidenziato anche nei particolar sedili costituiti da un telaio di tubi d’acciaio e un intreccio di cuoio, fermato da borchie metalliche.
Il mezzo monta un motore a 4 cilindri di 1200 cc. con una potenza di 85Cv montato posteriormente a sbalzo, con meccanica a vista e protetto unicamente da una gabbia metallica in acciaio anch’esso cromato. La carrozzeria in vetroresina costituita da in unico elemento, come il kit dell’epoca, il parabrezza è abbattibile.
I due prototipi fanno parte della collezione già citata e pare ne esista un terzo in Francia. I due modelli sono differenti fra loro nei particolari, come la colorazione una arancione e finiture in nero, l’altro bianco con finiture rosse. Il primo nettamente per la sabbia l’altro per lo sterrato, anche il posizionamento dei fari è diverso.
Vennero esposti al salone di Parigi nel 1970, non ebbero un seguito produttivo, anche se in parte servirono a determinare la versione finale della X1/9, chi lo avrebbe detto!
Lo stesso tema venne ripeso due anni dopo, nel 1972 con il modello Go, della Suzuki con meccanica della Suzuki 750, presentato al salone di Bruxelles. Si trattava in pratica di un pianale monovolume con due posti con un ampio vano per il trasporto anche di una moto o altro nonostante le ridotte dimensioni complessive. 3.350mm di lunghezza, 1.720mm di larghezza e 920mm di altezza, senza parabrezza, anch’esso fa parte della “Collezione Bertone” ed è di colore verde brillante.

Letto : 793 | Torna indietro

 
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:


Visitatori
Visitatori Correnti : 5
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 935
Ultimo iscritto : raffaele
Lista iscritti

 
 Copyright © Club Nazionale X1/9 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 0,171875secondi.
Versione stampabile Versione stampabile